• Italiano

L'Opificio delle pietre dure presenta il restauro del Frammento Vaticano di Giotto

03/10/2019

Firenze, Fortezza da Basso Viale Filippo Strozzi, 1

Manifesto visite e giornata di studi-2

Il restauro del “Frammento Vaticano” di Giotto

dall’antica basilica di San Pietro a Roma

 

L’Opificio delle Pietre Dure di Firenze presenta al pubblico il restauro compiuto sul “Frammento Vaticano” di Giotto, proveniente dall’antica basilica di San Pietro a Roma, con due diverse iniziative: l’esposizione dell’opera nell’ambito della manifestazione “Effetto Restauro”, in programma sabato 5 e domenica 6 ottobre 2019; e una giornata di studi che si terrà mercoledì 9 ottobre 2019.

Entrambe le iniziative avranno luogo presso la Sala Altamura della sede dell’Opificio delle Pietre Dure alla Fortezza da Basso, in Viale Strozzi 1 a Firenze (ingresso principale di solito utilizzato per le manifestazioni fieristiche).

Durante le giornate di sabato 5 e domenica 6 ottobre il pubblico sarà accompagnato alla visione dell’opera dai restauratori del Settore Pitture Murali dell’Opificio, con visite guidate gratuite che si terranno alle ore 9.30, 10.30, 11.30, 12.30; e, nel pomeriggio, alle 14.30, 15.30, 16.30 e 17.30. La prenotazione alla visita è obbligatoria, telefonando al numero 055.2651337 (dal martedì al giovedì dalle ore 9.00 alle ore 13.00) oppure inviando una e-mail all’indirizzo annalisa.innocenti@amiciopificio.org entro il 3 ottobre 2019.

La giornata di studi del 9 ottobre 2019, aperta agli studiosi e al pubblico e senza necessità di prenotazione, si svolgerà secondo il seguente programma: 

I Sessione: ore 10.30 – 13.00

 Saluti di Marco Ciatti - Soprintendente dell’Opificio delle Pietre Dure

 

L’opera

Giotto all'Opificio delle Pietre Dure

Marco Ciatti - Soprintendente dell’Opificio delle Pietre Dure

 Storia del progetto, dalla mostra di Expo al finanziamento del restauro

Pietro Petraroia – Eupolis, Lombardia

Introduzione storica

Serena Romano – professore emerito, Università di Losanna


Il restauro

Storia di un caso particolare e delle scelte metodologiche

Cecilia Frosinini - Settore restauro Pitture Murali e stucchi, Opificio delle Pietre Dure

 

Tecnica esecutiva e restauro dell'opera

Alberto Felici - Settore restauro Pitture Murali e stucchi, Opificio delle Pietre Dure

 

II Sessione: ore 14.30 – 18.00

 

Le indagini scientifiche

Indagini strutturali con il georadar

Massimo Coli - Università di Firenze, Dipartimento di Scienze della Terra

 Le indagini chimiche

Giancarlo Lanterna e Carlo Galliano Lalli - Laboratorio Scientifico, Opificio delle Pietre Dure

Le indagini in XRF

Pietro Moioli e Claudio Seccaroni - Gruppo Beni Culturali, ENEA La Casaccia

 

La giornata si concluderà con una tavola rotonda cui parteciperanno studiosi di Giotto di fama internazionale, invitati per l’occasione. 

Il frammento, risalente all’inizio del XIV secolo e distaccato in antico, proviene dalla parete interna dell’antica basilica di San Pietro a Roma, demolita nel 1610. Rappresenta due figure di santi a lungo identificati con San Pietro e San Paolo, ma a seguito del restauro, che ha messo in luce dati iconografici preziosi, più verosimilmente da identificare con un santo vescovo e un santo diacono. L’opera è stata esposta, per la prima volta, in occasione della mostra “Giotto. L’Italia”, svoltasi a Milano, presso Palazzo Reale, nell’ambito di Expo 2015, dal 2 settembre 2015 al 10 gennaio 2016. A questo evento è seguito il trasferimento presso l’Opificio delle Pietre Dure, per il restauro finanziato dal Rotary Club Milano Sempione e conclusosi nell’ottobre 2017.

 

Per informazioni: